VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

lavoro

Lo sciopero dei dipendenti pubblici inaugura ufficialmente la guerra tra poveri

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

In questi mesi ci siamo abituati alle proteste di lavoratori autonomi, commercianti, ristoratori: tutte categorie travolte dall’arrivo della pandemia e che hanno visto i propri redditi crollare dell’80%, nonostante gli aiuti a intermittenza dello stato. Oggi, però, a scendere in piazza sono i dipendenti pubblici che inaugurano, così, una nuova fase dei conflitti di classe nell’Italia della pandemia.

La frattura sociale tra garantiti e non garantiti

È il parere dell’85,6% degli italiani, la crisi sanitaria ha reso evidente il divario tra due categorie di lavoratori: quelli che hanno un reddito garantito e quelli che non ce l'hanno. Nessun dubbio, infatti, che il cosiddetto “posto fisso” nella Pubblica Amministrazione abbia retto meglio di qualunque altro all’impatto del covid. Certo i problemi hanno toccato anche i dipendenti pubblici: 350mila precari (di cui 60mila nella sanità) continuano a navigare nell’insicurezza e per questo, oggi, protestano per ottenere un contratto. Ma sono una piccola percentuale rispetto agli oltre 3,2 milioni di dipendenti in regola con 30mila € di reddito lordo annuo garantito. Certo, la digitalizzazione della burocrazia, per anni rimandata e rallentata, li ha spinti a chiedere corsi di formazione. Inoltre lo smart working grava sulle loro bollette: internet ed elettricità prima di tutto, servizi che in ufficio sarebbero pagati dalla PA e che a casa gravano sul dipendente pubblico. Ma non solo su di lui, anche i lavoratori privati affrontano lo stesso problema. Con la differenza, però, che per questi ultimi il futuro è colmo di incertezze. Il 53,7% dei dipendenti nelle PMI sta rischiando il posto, tra le partite IVA erano già 219mila quelle chiuse in Italia a ottobre, soprattutto di trentenni. 284mila i dipendenti licenziati, 136mila gli autonomi senza lavoro. Poi gli imprenditori dei settori più colpiti come i ristoratori, i commercianti, gli artigiani, i professionisti rimasti senza incassi e fatturati: solo il 23% di loro ha continuato a percepire gli stessi redditi familiari di prima del Covid-19. Senza contare gli oltre 5 milioni di invisibili dei lavori in nero e dei lavoretti, crollati senza far rumore nel silenzio generale. Insomma una situazione esplosiva: 14 milioni di persone hanno cercato il supporto economico del Governo, molte altre ne sono state escluse. Proprio sulla linea di fuoco tra stato e privati si insinua la protesta dei dipendenti pubblici che, però, possono far valere una posizione di forza maggiore rispetto agli altri. Generando, di conseguenza, la rabbia e la frustrazione di questi ultimi.

Uno sciopero legittimo nel momento sbagliato

Oggi sciopereranno i lavoratori delle funzioni centrali (Ministeri, Inps, Inail, Agenzie fiscali. ecc), degli Enti locali e della Sanità (servizi essenziali esclusi) e quelli dei nidi e delle materne. Proprio il peso di questi servizi, in particolare durante una crisi come la pandemia, ha spinto il Garante per gli scioperi a chiedere ai sindacati di ridurre i disagi per i cittadini. Il periodo scelto ha spaccato anche lo stesso fronte sindacale: «Sciopero legittimo ma inopportuno in piena pandemia e con milioni di persone in cassa integrazione» secondo Paolo Capone, segretario generale dell'Ugl, che ha previsto una bassa adesione. Lo stesso pensano alcuni dipendenti pubblici e sindacalisti che ritengono non solo il momento inopportuno, ma anche sbagliato il metodo scelto per la battaglia. Manuel Braghero, membro della CGIL e dipendente in Regione Toscana, ha dichiarato: «Trovo lo sciopero indetto un'offesa alla mia storia di civil servant e anche a quella di comunista. Il paese in questo momento drammatico si deve reggere sulle nostre spalle ed è questa l'occasione casomai per riscattarci dai luoghi comuni sul pubblico impiego. Sarebbe assai più serio uno sciopero bianco per rivendicare dignità e riconoscimento con il versamento di quota parte della giornata lavorativa a un fondo sindacale di mutuo soccorso per i lavoratori in difficoltà. Quello sì sarebbe un bel modo per rivendicare con orgoglio il giusto rinnovo del contratto». Dall’altro lato Angelo Murabito, segretario generale di Cisl Fp continua però a sottolineare l’urgenza di uno sciopero: «La ministra (Fabiana Dadone, ndr) deve comprendere che il sindacato è pilastro dell’organizzazione sociale del Paese, e se da un anno si chiede di essere convocati per il contratto per le assunzioni e per la sicurezza e questo non accade, la responsabilità non è di chi protesta, ma di chi non accetta il confronto». Un miliardo, questo l’investimento voluto dai sindacati per la PA, 600 milioni € in più rispetto a quello già stanziato. Una richiesta che colpisce il paese nel suo momento di maggiore debolezza e che potrebbe far esplodere, definitivamente, il conflitto sociale in Italia.

Le piazze di Firenze tra guerriglia e manifestazione contro il lockdown
Topicslavoro  proteste  crisi  coronavirus 
ARTICOLI E VIDEO