VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

riscaldamento globale

L'1% più ricco del pianeta inquina 30 volte più della metà povera

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

La prima settimana della COP26, la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, si è chiusa tra impegni, promesse e contraddizioni. Durante il vertice sul riscaldamento globale e la crisi climatica a Glasgow, i Paesi si sono infatti scontrati su temi importanti come la decarbonizzazione, che contribuirebbe a mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi entro la fine del secolo. E per discutere di clima, i leader mondiali non hanno rinunciato all’utilizzo di jet privati, inquinando come 1.600 cittadini inglesi in un anno.

I risultati della Cop26 e l'1% più ricco del mondo

Se gli accordi finora raggiunti sembrano promettenti, non sono ancora entro il limite di 1,5° necessario per evitare una catastrofe globale. Come ha spiegato Malte Meinshausen, principale autore del panel dell’IPCC: ​​«Per la prima volta gli impegni combinati e i probabili percorsi di emissione di oltre 190 paesi hanno dato una possibilità migliore del 50% di limitare il riscaldamento a meno di 2°C. Ma il raggiungimento dell’aumento al di sotto dei 2°C è rimasto altamente condizionato e dipende dai Paesi che mappano percorsi credibili verso lo zero netto come promesso».

Il riscaldamento globale si intreccia anche alle differenze di reddito tra una parte e l’altra del pianeta. Secondo l’ultimo studio di IEEP, Oxfam e SEI, l’1% più ricco al mondo (172mila $ l’anno) inquina 30 volte oltre i limiti consentiti, seguito dal 10% dei ricchi (55mila $ l’anno) con emissioni 10 volte oltre il limite, mentre il 50% della popolazione globale, considerata la più povera, vive praticamente a impatto zero sul pianeta.

Extinction Rebellion alla Cop26 di Glasgow - Ewan Bootman/NurPhoto/REUTERS

Extinction Rebellion alla Cop26 di Glasgow - Ewan Bootman/NurPhoto/REUTERS

ARTICOLI E VIDEO