VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

food

«Non mangiare più carne potrebbe salvare il pianeta», dice uno studio

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Che l’agricoltura per l’allevamento animale contribuisca in modo significativo al riscaldamento globale, non è una novità. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista “PLOS Climate”, però, la chiusura delle attività di produzione della carne non solo impatterebbe sulla crisi climatica, ma potrebbe addirittura contribuire a salvare il pianeta. Basti pensare che l’allevamento dei bovini è responsabile da solo di circa il 18% delle emissioni di gas serra globali, percentuale che sale notevolmente se si aggiungono anche gli allevamenti di maiali, polli e pesci. Insomma, un mondo senza carne non è solo immaginabile ma, forse, è addirittura necessario.

Lo studio e l’inquinamento da carne

«La sospensione delle attività di allevamento dovrebbe costituire una priorità per i prossimi anni»: questa è la tesi sostenuta dagli autori della ricerca, Micheal Eisen, dell'Howard Hughes Medical Institute (UCLA) e Patrick Brown, emerito del dipartimento di Biochimica di Stanford e CEO di Impossible Foods Inc., azienda specializzata nella produzione e nella vendita di prodotti a base vegetale pensati per sostituire la carne. Lo studio è stato pubblicato su una rivista peer reviewed dalla comunità scientifica. Partendo dai dati pubblici sulla produzione di bestiame nel 2019, le emissioni legate al bestiame e il potenziale di recupero della biomassa sui terreni attuali utilizzati per sostenerlo, l’eliminazione della agricoltura per la produzione di carne potrebbe ridurre del 68% le emissioni di anidride carbonica entro la fine del secolo.

«Sebbene i prodotti animali forniscano al momento, secondo i dati più recenti della FAO, il 18% delle calorie, il 40% delle proteine e il 45% dei grassi nell’alimentazione umana, la fine dell’agricoltura animale stabilizzerebbe i gas serra», si legge nello studio. «Le colture esistenti potrebbero sostituire le proteine e i grassi della carne animale, con un impatto ridotto su terra, acqua, gas serra e biodiversità». Ma se si procederà “business as usual”, è probabile che la domanda di carne aumenti del 70% entro il 2050.

Secondo gli autori, infatti, «le diete vegetali equilibrate dal punto di vista nutrizionale sono comuni, sane e diverse, ma sono raramente considerate nelle strategie globali per mitigare il cambiamento climatico». Per alcuni, infatti, le produzioni di quinoa e soia, alimenti che potrebbero sostituire la carne in diete vegetariane e vegane, non rispetterebbero l’ambiente, né i fragili sistemi economici in cui vengono prodotte. Eppure, un decremento nelle emissioni di gas serra dovrebbe fare gola a tutti.

Il consumo di carne tra sfruttamento e alternative

In Europa e nel Regno Unito la carne non è solo una questione climatica. È anche un problema di diritti. Lo scorso settembre, un’inchiesta del The Guardian ha svelato come numerose aziende abbiano assunto migliaia di lavoratori tramite agenzie e cooperative fasulle, sottoponendoli a retribuzioni inferiori rispetto al personale che lavora nelle stesse fabbriche. A questo si aggiungono falso status di lavoratore autonomo e nessuna indennità di malattia. Spesso, sono gli stranieri a essere assunti secondo queste modalità. Guardare oltre la carne, quindi, è anche una questione sociale.

Ma in un Paese come l’Italia, in cui il consumo di carne pro capite annuale è tra i 76 e i 79 chili, quali alternative possono essere possibili? Una strada percorribile è rappresentata dall’entomofagia: se per circa 2 miliardi di persone nel mondo mangiare insetti è normale, perché non dovrebbe esserlo anche per noi?

Segui VD su Instagram.

ARTICOLI E VIDEO