VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

famiglia

Cosa c'è nel Family Act del governo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Il Consiglio dei Ministri ha approvato ieri il Family Act, il pacchetto di misure a sostegno delle famiglie. Il disegno di legge era stato presentato a ottobre dalla ministra delle Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, al centro qualche mese fa delle polemiche per la gestione dei fondi da destinare ai centri antiviolenza. Tra i punti affrontati, il congedo per i neo-papà, che arriva a dieci giorni, congedi per andare a parlare con i professori e un contributo per le rette di nidi e materne.

Le misure del Family Act

Il disegno di legge prevede una serie di misure per le famiglie con figli e agevolazioni per le giovani coppie sull’affitto della prima casa. Tra i punti:


  • Assegno per ogni figlio under 18, variabile in base al reddito Isee presentato. L’assegno è mensile e verrà erogato dal settimo mese di gravidanza fino al compimento del diciottesimo anno di età di ciascun figlio. Dal secondo figlio in poi aumenta del 20%. Se il figlio o la figlia sono disabili, invece, non sussistono limiti di età.
  • Contributi per le rette degli asili nido, dei micronidi, delle sezioni primavera e delle scuole dell'infanzia, che potranno coprire anche il 100% delle spese.
  • Congedi estesi a 10 giorni per i neo-papà congedo e un permesso retribuito, di almeno 5 ore nell'arco di un anno scolastico per i colloqui con i professori dei figli.
  • Incentivi al lavoro femminile con un'indennità integrativa della retribuzione per le madri lavoratrici erogata dall'Inps, per il periodo in cui rientrano al lavoro dopo il congedo obbligatorio.
  • Detrazioni fiscali per le spese relative agli affitti  dei figli maggiorenni iscritti ad un corso universitario.
  • Agevolazioni per l’affitto della prima casa per le coppie che non abbiano superato i 35 anni di età.
Topics famiglia  family act  governo  conte 
ARTICOLI E VIDEO