VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

arte

Questi artisti si sono coperti di rifiuti contro la globalizzazione

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Colin Delfosse è un fotografo belga nato nel 1981 che vive a Bruxelles. Ha cominciato a lavorare con la fotografia documentaria nel 2006, dopo gli studi in giornalismo. Più o meno nello stesso periodo ha iniziato a lavorare a diversi reportage in Mali e nella Repubblica Democratica del Congo, concentrandosi sul tema minerario. Membro fondatore del collettivo Out of Focus, è photoeditor editore fotografico della rivista investigativa belga Médor. Negli ultimi anni in Congo ha realizzato il progetto Fulu Act, una serie di ritratti singoli di giovani artisti di Kinshasa, studenti dell'Academy des Beaux Arts, ricoperti di rifiuti e oggetti trovati per la strada, da condom a parrucche, da vecchi cellulari a parti in plastica, per condannare la globalizzazione e i suoi effetti sul Paese.

Come hai scelto di concentrarti sul Congo?

La prima volta che ci sono andato, nel 2006, è stato per seguire le prime elezioni presidenziali libere ed eque del Paese dal 1965. A quel tempo era nel caos, a causa di due recenti grandi guerre. Il popolo congolese non aveva avuto elezioni libere dalla sua indipendenza, quando Patrice Lumumba divenne Primo Ministro nel 1960. Non c'ero mai stato prima. Come belga, cresciuto a Bruxelles, il Congo è ciò che mi viene in mente quando si parla di Africa a causa della nostra storia condivisa – essendo ex colonia belga – ma non sapevo ancora nulla del Paese. È stato continuare avanti e indietro per progetti e incarichi personali che mi ha fatto concentrare così tanto sulla Repubblica Democratica del Congo. Il Paese è davvero grande e c’è tantissimo da raccontare.

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
Sei lì da qualche anno: qual è la cosa più impegnativa nel documentarne la realtà?

È complicato in molti modi. Innanzitutto, il Congo è uno dei pochi Paesi al mondo in cui devi pagare per scattare fotografie. È necessario ottenere un accreditamento piuttosto costoso da parte del ministero dell'Informazione. Poi, anche con questa carta è ancora complicato lavorare, alla gente non piace vedere i fotografi in giro.

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
Come è nato il progetto Fulu Act?

La capitale congolese è una città molto dinamica. Ho fatto diversi progetti fotografici lì nel corso degli anni. Durante un viaggio del 2016 a Kinshasa ho incontrato artisti (come Congo Astronaut) nelle loro case. Tre anni dopo, ho sentito parlare di un nuovo festival di spettacoli chiamato Kin Act. Ero impegnato in quel momento e non potevo partecipare al festival, ma sono tornato (come faccio sempre) e ho iniziato a fare i ritratti degli artisti a casa.

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
Chi sono gli artisti che hai fotografato e perché sono coperti di spazzatura?

Ci sono molte persone diverse in questa serie. Sono perlopiù tutti giovani artisti di Kinshasa, studenti dell'Academy des Beaux Arts. Si coprono con ciò che trovano per terra per le strade della loro città (parrucche per capelli staccate, vecchi cellulari, cavi, pneumatici, vestiti, preservativi, lattine di bibite, coperchi di bottiglie, ecc.). La dichiarazione alla base è quella di condannare e informare sul consumo eccessivo e sugli effetti collaterali della globalizzazione sul proprio Paese. Gli effetti collaterali sono l'inquinamento, la povertà, la mancanza di investimenti affidabili nel Paese. Quello che hanno da dire è fondamentale, ed è per questo che indossano questi costumi e camminano per le strade dei loro quartieri, per sensibilizzare su questi temi.

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
Quanti ritratti hai fatto? Qual è il tuo preferito e perché?

Ho fatto circa 30 ritratti. Voglio ancora scattarne altri poiché continuano a creare nuovi costumi. Il mio preferito è probabilmente Mbuiy Tickson (l’uomo ricoperto di condom) – la sua è una performance fantastica.

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
Il problema rappresentato è ancora attuale? Pensi che questo tipo di progetto possa essere realizzato in altri luoghi del pianeta?

Ovviamente. Le questioni ambientali ed economiche sono ancora molto presenti nella capitale congolese. E sì, potrebbe sicuramente essere fatto in altri posti, ma non con la stessa inventiva/creatività che trovi a Kinshasa!

Foto di Colin Delfosse
Foto di Colin Delfosse
E pensi che la fotografia documentaristica possa cambiare le cose?

No, non proprio. La fotografia documentaria può e deve informare le persone su cosa non va. E poi, forse, si verificheranno dei cambiamenti. Ma la fotografia di per sé ha un impatto diretto limitato, anche se ci sono alcune eccezioni.

Il fiume più inquinato d'Europa è italiano

Segui VD su Instagram.

Topicsarte  fotografia  ambiente 
ARTICOLI E VIDEO