VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

peppino impastato

Le poesie di Peppino Impastato

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Spesso Peppino Impastato viene ricordato nel giorno in cui fu ucciso con la frase tratta da I cento passi: «Bisognerebbe ricordare alla gente cos’è la bellezza. Insegnargli a riconoscerla. A difenderla». In realtà Peppino Impastato non la pronunciò mai, fu interpolata dagli sceneggiatori per avvicinare la figura del rivoluzionario al pubblico di oggi. Eppure, anche se non ha mai parlato in questi termini della rivoluzione, Peppino Impastato ha espresso molta bellezza nella sua vita, come conduttore radio e come poeta. L’espressione individuale, opinione o arte che fosse, sono state la sua unica arma contro i fucili e le pistole dei criminali. Oggi, 77 anni fa, nasceva quel ragazzo divenuto simbolo della lotta alla mafia; vogliamo ricordarlo proprio attraverso la bellezza che ha espresso in parole, con le sue poesie fatte di quotidiano e semplicità, commoventi e, qualche volta, ingenue.

Le poesie di Peppino Impastato

Sulla strada bagnata di pioggia
si riflette con grigio bagliore
la luce di una lampada stanca:
e tutt’intorno è silenzio.

Nubi di fiato rappreso
s’addensano sugli occhi
in uno stanco scorrere
di ombre e di ricordi:
una festa,
un frusciare di gonne,
uno sguardo,
due occhi di rugiada,
un sorriso,
un nome di donna:
Amore
Non Ne
Avremo.

Fresco era il mattino
e odoroso di crisantemi.
Ricordo soltanto il suo viso
violaceo e fisso nel vuoto,
il singhiozzo della campana
e una voce amica:
“è andato in paradiso
a giocare con gli angeli,
tornerà presto
e giocherà a lungo con te”.

È triste non avere fame
di sera all’osteria
e vedere nel fumo
dei fagioli caldi
il suo volto smarrito.

Passeggio per i campi
con il cuore sospeso
nel sole.
Il pensiero,
avvolto a spirale,
ricerca il cuore
della nebbia.

Lunga è la notte
e senza tempo.
Il cielo gonfio di pioggia
non consente agli occhi
di vedere le stelle.
Non sarà il gelido vento
a riportare la luce,
né il canto del gallo,
né il pianto di un bimbo.
Troppo lunga è la notte,
senza tempo,
infinita.

I cento passi contro la mafia di Peppino Impastato

Una raccolta completa degli scritti di Peppino Impastato e dei suoi amici e parenti si trova sul sito del Centro Siciliano di Documentazione Giuseppe Impastato che potete consultare qui.

ARTICOLI E VIDEO