VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

mami vilipendio

Perché per Mami era vilipendio e per Salvini al Papeete no?

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Inizia la pacchia: da papà, da ministro e da animatore turistico. Quanto accaduto al Papeete Beach, la più glitterata (e leopardata) delle spiagge romagnole, non ha solo alzato l’asticella del cattivo gusto. Quell’inno sguaiato e cantato proprio nel giorno della strage di Bologna, ci ha reso tutti un po’ più cinici, tanto che da destra a sinistra si rimpiangono i bunga bunga di Silvio Berlusconi, segno di una generale rassegnazione al peggio.

Il ministro Salvini ha suonato l

Il ministro Salvini ha suonato l'inno nazionale al Papeete

Eppure, solo due anni fa, contro la quindicenne di Mirandola, Mbayeb ‘Mami’ Bousso, che aveva indossato il tricolore in occasione della visita ufficiale del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dell’allora Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, la levata di scudi era stata così massiccia da oscurare il sole. Giusto per il tempo dell’archiviazione s’intende.

Salvini crea costantemente lo scandalo per sviare l'attenzione dalle conseguenze della sua politica

L’esposto per vilipendio alla bandiera italiana era stato presentato da un indignato residente di Buggiano, in provincia di Pistoia. Ma, in questi giorni, di scudi levati per difendere l’inno di Mameli messo alla consolle come un qualsiasi pezzo estivo di Enrique Iglesias non se ne vedono. Neppure da parte di quel signore toscano così ardente d’amore per la patria che tanto si era accanito contro la ragazzina mirandolese.

Mbayeb Bousso fu accusata di vilipendio per aver vestito, in un

Mbayeb Bousso fu accusata di vilipendio per aver vestito, in un'occasione ufficiale, la bandiera italiana

In fondo, Salvini «è uno che almeno si diverte», «uno di noi», con la differenza che se a baciare il crocefisso, secondo la filosofia della “America first, Italia second”, per poi andare a ballare in spiaggia a torso nudo l’inno italiano, con un occhio alla postazione dj e l’altro alle cubiste, fosse un comune cittadino, forse a qualcuno sarebbe venuto più di un dubbio circa il controllo sulle sue facoltà mentali.

Mbayeb Bousso fu accusata di vilipendio per aver omaggiato il Presidente della Repubblica con la bandiera italiana

In realtà, l’atteggiamento schizofrenico del ministro degli Interni rivela una precisa strategia: creare lo scandalo da rivista di gossip per far scivolare in secondo piano ciò di cui sarebbe, invece, importante discutere, dal ‘rubligate’ al decreto sicurezza-bis. Sì, la pacchia è già iniziata. E a pagarla siamo noi.

ARTICOLI E VIDEO