VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

internet

Passiamo sette ore al giorno su internet. Lo stesso tempo che dedichiamo al sonno

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

L’iperconnessione non è solo nella prova della Maturità. Dopo due anni di lockdown dipendiamo dalla tecnologia per quasi un terzo delle nostre giornate, più del tempo trascorso davanti alla televisione tradizionale. Facendo i conti, in fondo alla settimana, due giorni se ne sono andati via su internet, tra ricerche, video e chat.

I problemi dell'iperconnessione a internet

E gli adolescenti? Secondo lo psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Lavenia di Di.Te, associazione nazionale dipendenze tecnologiche, «l’iperconnessione aumenta il rischio di dipendenze tecnologiche perché innesca una serie di meccanismi fisici che sono difficili da staccare». «Basti pensare all’uso continuativo dei social che attivano un processo dopaminergico. Questo crea una sorta di dipendenza fisica». Lo stesso processo che si attiva nel gioco d’azzardo o con la cocaina. «Ogni volta che faccio un post o che mando un messaggio su WhatsApp sto in attesa e questo fa rilasciare al corpo dopamina, che dà luogo a un comportamento compulsivo. Contemporaneamente abbiamo il rilascio di endorfine secondo un meccanismo chiamato ‘della ricompensa’».

Come distinguere uso e abuso? «È abuso quando mi rendo conto di non poterne fare a meno e che la mia vita si sta modificando», spiega Lavenia. «Se ho consapevolezza di perdere il controllo sto abusando. L’altro elemento è la fame della sostanza, il desiderio che ho di connettermi costantemente». Insomma, l’iperconnessione potrebbe diventare «il disturbo del secolo». Il vero problema, però, non è mai Internet, il social o il videogioco, ma il disagio che rischia di andare a radicarsi nei ragazzi e nelle ragazze. E che non sempre viene intercettato. Come spiega la dottoressa Valentina di Liberto che è fondatrice del centro Hikikomori: «è importante per i genitori non lasciare da soli e per troppo tempo i loro figli davanti a PC, videogiochi e apparecchiature tecnologiche». «Ci deve essere un controllo da parte degli adulti e un tempo di esposizione moderato».

L'educare vuol dire togliere di Paolo Crepet

Segui VD su Instagram.

Topicsinternet  tech  instagram  tiktok  hikikomori 
ARTICOLI E VIDEO