VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

università

«Il Green pass è uno strumento ipocrita: meglio introdurre l’obbligo vaccinale»

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Oltre 150 docenti universitari hanno sottoscritto un manifesto contro l'introduzione dell'obbligatorietà del Green pass nelle università italiane. Tra i firmatari, c’è anche uno dei più importanti divulgatori e storici italiani, Alessandro Barbero, docente ordinario di Storia Medievale all'Università del Piemonte Orientale.

Alessandro Barbero contro per l'obbligo vaccinale e contro il green pass

Barbero ha espresso la sua contrarietà al Green Pass per accedere alle università e ha puntato il dito contro il governo, perché, a suo dire, non ha il coraggio di dire le cose come stanno. «Un conto è dire ‘Signori abbiamo deciso che il vaccino è obbligatorio perché è necessario, e di conseguenza, adesso introduciamo l’obbligo’: io non avrei niente da dire su questo», ha detto Barbero. «Un altro conto è dire “No, non c’è nessun obbligo, ma semplicemente non puoi più vivere, non puoi più andare all’università: però non c’è l’obbligo nel modo più assoluto, perché il vaccino serve davvero e il Green Pass serve per questo».

«Dal primo settembre», si legge nel testo sottoscritto anche da Barbero, «per frequentare le università italiane, sostenere gli esami e seguire le lezioni si deve essere in possesso del cosiddetto Green Pass. Tale requisito deve essere valido per docenti, personale tecnico, amministrativo e bibliotecario e studenti e ciò estende, di fatto, l'obbligo di vaccinazione in forma surrettizia per accedere anche ai diritti fondamentali allo studio e al lavoro, senza che vi sia la piena assunzione di responsabilità da parte del decisore politico. Molti tra noi hanno liberamente scelto di sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid-19, convinti della sua sicurezza ed efficacia». Per i firmatari, la 'tessera verde' dividerebbe la società italiana in cittadini di serie A, «che continuano a godere dei propri diritti», e cittadini di serie B, «che vedono invece compressi quei diritti fondamentali garantiti loro dalla Costituzione».

L'istruzione secondo Alessandro Barbero
ARTICOLI E VIDEO