VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

bullismo

Un adolescente italiano su due subisce atti di bullismo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Un adolescente su due ha dovuto subire atti di bullismo e 7 su 10 non si sentono al sicuro sul web. Sono sconfortanti i dati che emergono dall’'Osservatorio Indifesa 2021 realizzato da Terre des Hommes e OneDay, con l'aiuto di ScuolaZoo e delle sue community. Uno studio che ha coinvolto più di 1.700 ragazzi e ragazze (età 14-26) in tutta Italia. A unire tutti, o quasi, è un condiviso sentimento di angosciante solitudine: l’88% dei ragazzi dichiara di sentirsi solo o molto solo. Poco rallegra sapere che il trend è in diminuzione: la stessa risposta lo scorso anno fu data dal 93% dei giovani italiani. Ne vien fuori un quadro di una generazione segnata in modo devastante dalla pandemia.

Il bullismo online e offline e le altre minacce sui giovani

Per il 68% dei giovani che hanno partecipato al sondaggio la minaccia più temuta quando si è online è il cyberbullismo, seguito dal revenge porn (60%), il furto di identità (40,6%), lo stalking (35%). Tra le cause della comune solitudine il 31% dice di non sentirsi ascoltato in famiglia e il 30% non si sente amato, mentre il 29,2% non frequenta luoghi di aggregazione. «Due anni di pandemia hanno portato ad un forte aumento dei disturbi psicologici e psichiatrici tra i più giovani. Un disagio che gli adulti non possono più fare finta di non vedere. Il bonus psicologo poteva essere una risposta temporanea a tale emergenza; tuttavia, l’assistenza psicologica per gli adolescenti dovrebbe essere una misura strutturale che assicuri una maggior attenzione per la salute mentale di ragazzi e ragazze», ha affermato Paolo Ferrara, Direttore Generale Terre des Hommes Italia.

Bulli e bulle: le storie raccontate da VD

Molto spesso si immagina il “bullo” attraverso lo stereotipo del maschio aggressivo. Il bullismo femminile, però, è un fenomeno in crescita e VD ne ha parlato raccogliendo i racconti delle protagoniste, vittime e carnefici. A. ha raccontato le sua esperienza come vittima di una ragazza bulla quando è diventata volontaria per No Bullismo. «P. era la bulla che non ti saresti mai aspettato», spiega. «Era una bella ragazzina, la più bella della scuola. E anche la più brava. In classe tutti facevano ciò che diceva lei, ma appena si voltava, la insultavano. La cosa più strabiliante è che comandava anche i professori: decideva lei come studiare il programma, le gite da fare. I suoi atti di bullismo nei miei confronti iniziarono prendendomi in giro durante le interrogazioni, parlando nelle orecchie dei compagni e ridendo. Un giorno scoppiai in lacrime. Mia madre, che lavorava nella scuola, andò a parlare con una professoressa. Ci fu detto che certi atteggiamenti erano stati notati, ma che bisognava essere clementi con la ragazzina, perché i suoi genitori erano divorziati e lei non parlava più con la madre».

I consigli per i bulli e per le vittime

«Se un bullo mi chiedesse cosa fare gli direi di crearsi degli amici, di parlare con i propri gregari e di trovare il modo di essere amici senza prevaricare». Annalisa Battisti, psicoterapeuta fiorentina specializzata in disagi adolescenziali, ha spiegato a VDcosa vuol dire essere bulli e come uscirne. «Cooperando, imparando dagli altri e apprezzando le differenze degli altri, provando a mettersi nei panni degli altri e pensare che quel disagio che anche il bullo in determinate situazioni può provare lo provano anche gli altri».

Dove chiedere aiuto

  • Se sei in una situazione di emergenza, chiama il numero 112.
  • Se tu o qualcuno che conosci ha dei pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico allo 199 284 284 oppure via Internet da qui, tutti i giorni dalle 10 alle 24.
  • Puoi anche chiamare i Samaritans al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al 06 77208977 da cellulare, tutti i giorni dalle 13 alle 22.
Come combattere il bullismo e il cyberbullismo

Segui VD su Instagram.

Topicsbullismo  giovani  italia 
ARTICOLI E VIDEO