VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

disturbi alimentari

Sempre più dodicenni soffrono di disturbi alimentari

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Anoressia, bulimia, alimentazione incontrollata (binge eating), picacismo, alimentazione notturna. Dopo l'allarme per l'aumento dei disturbi alimentari durante la pandemia lanciato da Epicentro, una nuova emergenza sta coinvolgendo i più giovani: l'abbassamento dell'età di esordio di questi problemi. È quanto emerge dalle parole della prof. Anna Ogliari del San Raffaele e la dott. Graziella Boi del Dipartimento Salute Mentale di Cagliari.

I disturbi alimentari tra i preadolescenti

Sono almeno due milioni gli italiani che soffrono di disturbi alimentari, secondo Eurispes, numeri che si allineano a quelli della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare (SISDCA). E sembra che con l'arrivo della pandemia i casi siano aumentati del 30% e le richieste di prima visita siano cresciute del 50% circa. Inoltre, secondo la prof. Anna Ogliari del San Raffaele e la dott. Graziella Boi del Dipartimento Salute Mentale di Cagliari, il numero di casi sarebbe cresciuto, in particolare, tra i giovani di 12 anni. «Nel periodo precedente alla pandemia eravamo abituati a esordi tra i 15 e i 16 anni. Età già molto complicata ma che ora ha subito una diminuzione importante ai 12 anni» ha dichiarato Ogliari. «L’aumento di richiesta» aggiunge Boi «si è verificato soprattutto nella fascia 12-15: ragazzi e ragazze che si sono rivolte agli ambulatori con le loro famiglie per cercare di fermare in tempo una situazione degenerata o scoppiata proprio negli ultimi mesi».

A fronte di questo aumento, però, non è corrisposta un’adeguata crescita delle strutture di riferimento, mentre quelle presenti sul territorio (in particolare nel Centro-Nord) operano in una situazione emergenziale che peggiora ormai da mesi. Nel 2020 erano oltre 3.000 i morti dovuti a disturbi alimentari in Italia, un numero approssimato per difetto, perché nel 40% dei casi i DCA (disturbi da comportamento alimentare) non sono diagnosticati, come spiega Epicentro. L’emergenza, però, ha stimolato una reazione da parte dell’ISS che si è impegnato a portare avanti il Progetto MA.NU.AL., la MAppatura dei centri territoriali dedicati ai disturbi della NUtrizione e dell’ALimentazione in supporto al Ministero della Salute. Un primo, ma ancora piccolo, passo per affrontare un problema che peggiora ogni anno, soprattutto tra i più giovani.

Come combattere il bullismo e il cyberbullismo
ARTICOLI E VIDEO