VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

lynch film

Perché Twin Peaks di David Lynch ha cambiato la televisione per sempre

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

A gennaio Twin Peaks compie 30 e David Lynch 75 anni: il regista che AllMovie ha definito “l’uomo del Rinascimento del cinema contemporaneo”, il genio che ha cambiato per sempre le regole del cinema e della televisione, il padre di Twin Peaks. Un universo in cui sogno e realtà si fondono, in cui grottesco, orrore e ironia si mescolano e le persone sono involucri di mondi infiniti. L’opera che ha rivoluzionato la televisione compie 30 anni: la celebriamo ricordando soprattutto l’impatto che ha avuto, e continua ad avere, sui prodotti seriali di oggi.

Chi ha ucciso Laura Palmer?

Lynch si serve del pretesto narrativo più classico (l’uccisione di una studentessa) per svelare i torbidi segreti degli abitanti, ma non solo. Apre un vero e proprio squarcio tra la dimensione reale e i luoghi più nascosti dell’inconscio. Non esiste il libero arbitrio, siamo tutti marionette possedute da qualcosa di più grande e spaventoso di noi. Qualcosa che è in grado di manovrarci e portarci a compiere ogni genere di atrocità: l’identità del killer di Laura Palmer ne è la dimostrazione.

Twin Peaks è uscito nel 1990

Twin Peaks è uscito nel 1990

Per questo i personaggi di Twin Peaks, e del suo film prequel Fuoco cammina con me, sembrano sempre sull’orlo di una crisi: amano, piangono, sorridono e odiano senza tregua, ballano all’improvviso come posseduti. Viviamo tutti sospesi tra sogno e realtà, ci dice David Lynch: e a volte dal sogno può non esserci ritorno. L’enigma della morte di Laura Palmer ha generato un tale hype all’epoca da dover essere condiviso, attraverso i Twin Peaks parties: la fruizione televisiva cessa di essere solitaria e diventa sociale.

L’impero della mente di David Lynch

David Lynch e Mark Frost, autori di Twin Peaks, hanno creato una vera e propria mitologia: unendo archetipi risalenti all’antichità (i gufi considerati vettori per l’aldilà), elementi di psicanalisi ed esoterismo (la figura del Doppelgänger, lo spaventoso Bob nella serie) e questioni millenarie nella storia della filosofia. Esistono altre dimensioni conosciute? Qual è la natura del male? Siamo in grado di comprendere ciò che percepiamo? Lynch non dà risposte: nemmeno nella criptica stagione 3 di Twin Peaks, uscita nel 2017, 25 anni dopo come predetto da Laura Palmer, troviamo una spiegazione di quanto visto.

Nel 2017 è uscita Twin Peaks 3

Nel 2017 è uscita Twin Peaks 3

Il cinema di Lynch tende a mettere in scena le sue visioni e le sue ossessioni: mescolare realtà e fantasia è alla base anche di Mulholland Drive e Velluto Blu, che vede nel cast l’attore feticcio di Lynch, Kyle MacLachlan (il buon Dale Cooper nella serie), e deriva dalla filosofia buddhista praticata dal regista: ogni segreto è privo di contenuto, la verità è ineffabile.

Niente Lost senza Twin Peaks

La serie lynchiana ha influenzato la cultura popolare a tutto campo: esiste persino un fumetto di Sherlock Holmes ambientato a Twin Peaks. Non sarebbe mai esistita Lost, senza Twin Peaks a guidare il pubblico nel mistero. Riverdale, la serie teen dell’universo di Sabrina di Netflix, fa molti omaggi al capolavoro anni Novanta: dalla sigla d’apertura al cast (Mädchen Amick era la Shelley del DoubleR). Le questioni sulla coscienza e la doppiezza della natura umana in Black Mirror riecheggiano la mitologia lynchiana; rimandi della sua estetica onirica e grottesca sono nel thriller Hannibal e, ovviamente, non poteva mancare di influenzare la coeva X-Files.

Il regista visionario David Lynch

Il regista visionario David Lynch

Twin Peaks è ricordata per il suo impatto social ante litteram: nel 1990 fu indetto un sondaggio telematico durante uno speciale in tv, in cui gli spettatori potevano esprimersi sull’assassino (indovinò il 3%). L’isteria che portò milioni di telespettatori (tra cui la regina Elisabetta) a incollarsi allo schermo è ormai sdoganata (pensiamo al fenomeno di massa dell’ultima puntata di Game of Thrones): ma in anni in cui le serie tv stavano ancora prendendo la forma di prodotti culturali e non più di solo intrattenimento, Twin Peaks ha avuto il privilegio e la forza di scrivere le sue regole. Regole di cui ancora oggi chi vuole fare televisione deve tenere conto.

Tutti i film di David Lynch

  • Eraserhead- La mente che cancella (Eraserhead) (1977)
  • TheElephant Man (1980)
  • Dune(1984)
  • Vellutoblu (Blue Velvet) (1986)
  • Cuoreselvaggio (Wild at Heart) (1990)
  • Fuococammina con me (Twin Peaks: Fire Walk with Me) (1992)
  • Stradeperdute (Lost Highway) (1997)
  • Unastoria vera (The Straight Story) (1999)
  • MulhollandDrive (2001)
  • InlandEmpire - L'impero della mente (Inland Empire) (2006)
I 5 momenti più folli di David Lynch
ARTICOLI E VIDEO