VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

coronavirus

A che punto siamo col vaccino contro il coronavirus?

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Dal mondo giungono buone notizie sul vaccino contro il coronavirus. L'UK ha approvato l'uso del farmaco di Pfizer-BioNTech, sviluppato da Ugur Sahin e sua moglie Ozlem Tuereci, che sarà quindi disponibile dalla prossima settimana in Inghilterra. Anche Moderna ha completato i test e parlano di un'efficacia oltre il 90% per entrambi i farmaci. Pfizer/Biontech e Moderna hanno inviato al documentazione alle autorità di controllo, in Europa l'Ema deciderà sul primo entro il 29 dicembre e sul secondo entro il 12 gennaio. E l'Italia?

Il piano del Ministro Speranza per il vaccino

Il ministro della Salute, alla riunione con i Capidelegazione della maggioranza, ha spiegato il suo piano. Il vaccino: «ha bisogno di richiamo e non sappiamo di quanto ci sia immunità». L'esecutivo dovrà stare attento a «non far coincidere la terza ondata eventuale con la campagna vaccinale». Le dosi arriveranno tra il 23 e il 26 gennaio, stoccate in 300 punti all'interno degli ospedali. Verrà data priorità a personale medico e Rsa, quindi per fasce di età e scuola. «Partiamo senza l'obbligo, obiettivo raggiungere immunità di gregge con 40 milioni di italiani vaccinati».

Il piano vaccini in Italia

  • Sono in arrivo 202 milioni di dosi per l'Italia, le prime tra il 23 e il 26 gennaio
  • La priorità: personale medico-sanitario, Rsa, ultra 80enni e 60-70enni poi le altre fasce d'età e i lavoratori essenziali
  • Per la vaccinazione di massa saranno usati grandi spazi pubblici, fiere e palestre
Il coronavirus è il nostro futuro
ARTICOLI E VIDEO