VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

animali a rischio di estinzione

Le specie animali più intelligenti a rischio e come salvarle

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

L’uomo è considerato l’animale più intelligente del pianeta, ma non l’unico. Molte specie hanno sviluppato, o stanno sviluppando, capacità che sorprendono gli studiosi, come gli elefanti che provano empatia o gli scimpanzé che sono capaci di usare utensili come i nostri antenati. Cinque di queste specie intelligenti sono a rischio di estinzione, e molte organizzazioni si stanno muovendo per proteggerle. Scopriamo quali.

I gorilla

Il gorilla Koko conosceva il linguaggio dei segni

Il gorilla Koko conosceva il linguaggio dei segni

I gorilla, come gli scimpanzé, sono molto vicini all’uomo. La loro intelligenza è stata dimostrata sia biologicamente, attraverso l’analisi del cranio e del sistema vascolare (superiore a quello della nostra antenata Lucy), che empiricamente: il gorilla Koko, infatti, imparò oltre mille segni per comunicare con gli umani. Oggi i gorilla vivono liberi solo nel Bacino del Congo e diminuiscono del 10% ogni anno, vittime dei bracconieri e della progressiva deforestazione. Il WWF permette di sostenere o adottare un gorilla per salvarlo dall’estinzione, il link all’iniziativa nell’elenco in fondo all’articolo.

Gli scimpanzé

Gli scimpanzé sono i più vicini ai nostri antenati

Gli scimpanzé sono i più vicini ai nostri antenati

Tra tutti gli animali gli scimpanzé, diffusi in Africa, sono i più vicini ai nostri antenati sia geneticamente che mentalmente. Questa specie sfrutta utensili per controllare l’ambiente, è altamente sociale e comunica con forme di linguaggio preverbale. Gli scimpanzé hanno una vera e propria cultura e dimostrano di essere consapevoli della morte dei propri simili, che accompagnano con comportamenti ritualistici. Nel 2018 Michael J. Beran e William D. Hopkins della Georgia State University hanno replicato, con questi esemplari, il famoso esperimento della Stanford University che consisteva nel mettere un bambino di fronte alla scelta di una gratificazione immediata (un dolce consumabile subito) oppure ritardata (due dolci accessibili in un secondo momento). L’originale esperimento aveva dimostrato capacità intellettive superiori nei bambini che sceglievano di ritardare il piacere. L’esperimento di Beran e Hopkins ha dimostrato la stessa attitudine in molti scimpanzé. Oggi questi primati sono a rischio a causa della caccia, dell’occupazione di terre e del commercio dei cuccioli. Il Jane Goodall Institute si occupa di salvare i piccoli di scimpanzé orfani a causa dei bracconieri, con veri e propri centri di riabilitazione e reinserimento. Il link ai loro progetti nell’elenco in fondo all’articolo.

Gli elefanti

Gli elefanti sono prede dei bracconieri in Africa

Gli elefanti sono prede dei bracconieri in Africa

Gli elefanti sono la specie animale col cervello più grande, hanno una spiccato socialità e sembra siano capaci di provare empatia. Purtroppo, oggi ne rimangono solo 400.000 esemplari in Africa, a rischio estinzione per la caccia indiscriminata agli elefanti per l’avorio, il ridotto spazio vitale e il cambiamento climatico. L’italiano Pengo Life Project collabora con Dame Daphne Sheldrick (morta nel 2018), co-warden assieme al marito dello Tsavo National Park in Kenya, nella protezione dei cuccioli di elefante. Il link alla loro organizzazione nell’elenco in fondo all’articolo.

Le orche

Le orche comunicano con un canto degli abissi

Le orche comunicano con un canto degli abissi

Le orche, come molti cetacei, comunicano tra loro attraverso un linguaggio non diverso da un canto degli abissi, ma la loro capacità intellettiva non si limita a questo: hanno sviluppato due diverse forme culturali legate alle zone in cui vivono, composte in particolare da tradizioni di caccia, che trasmettono ai piccoli attraverso il linguaggio e l’addestramento. Per questo motivo non si muovono mai sole ma in gruppi familiari che raggiungono anche i 40 esemplari, veri e propri clan come quelli dei primi uomini cacciatori e raccoglitori. Purtroppo gli impianti industriali e l’avvelenamento delle acque sta mettendo a rischio questa specie e, nonostante i dati ancora insufficienti, sembra che l’habitat compromesso di oggi sia divenuto un pericolo letale per le orche. Sea Shepherd è estremamente attiva nella difesa della fauna marittima, nell’elenco in fondo il link.

I delfini

I delfini amano interagire con gli umani

I delfini amano interagire con gli umani

L’animale col cervello più simile all'uomo, il delfino (in particolare il tursiope) è capace di comunicare attraverso un proprio linguaggio, ha un’elevata socialità e una vera propensione per i rapporti con la nostra specie. A Monkey Mia, in Australia, un gruppo di delfini è solito stazionare nella baia per poi avvicinarsi a riva e familiarizzare con gli umani. Questi mammiferi marini sono capaci di risolvere problemi attraverso soluzioni pratiche e, messi di fronte al proprio riflesso, sono in grado di riconscere se stessi. Le leggi internazionali proteggono questa specie, ma le reti dei pescatori e l’inquinamento stanno mettendola a rischio ogni giorno di più. Come Sea Shepherd, anche Greenpeace si occupa dei nostri mari, nell’elenco in fondo il link alla loro organizzazione.

Elenco degli animali intelligenti a rischio estinzione



ARTICOLI E VIDEO