VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

sanremo

«Non gioco a tennis per farmi dire che sono elegante o carino» ha detto Berrettini dopo Sanremo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

L’apparizione di Matteo Berrettini durante la prima serata di Sanremo è stata seguita da una valanga di commenti sul suo aspetto, soprattutto sui social. Un’esibizione durata poco più di dieci minuti, in cui Berrettini è parso emozionato e anche leggermente a disagio. Si è parlato pochissimo di tennis e molto di bellezza: «Sei bellissimo», gli dicono dal pubblico appena il tennista entra sul palco.

Matteo Berrettini a Sanremo

D’altronde Amadeus l’aveva presentato così: «Bello come un attore, sta facendo innamorare tutti». Durante la breve conversazione gli si chiede poi della sua “splendida” fidanzata e si fanno i complimenti (con applauso di tutto l’Ariston) per la bellezza dell’intera famiglia. Fiorello sottolinea la differenza tra i primi piani di Amadeus e i primi piani di Berrettini. Berrettini, però, ai complimenti per il suo aspetto fisico è abituato. In un’intervista a Repubblica ha ribadito che «fin da piccolo mamma e nonna insistevano: “Quanto sei bello”» e sottolinea che a Sanremo ci è arrivato per meriti sportivi.

E dovrebbe essere così: nel 2021 ha raggiunto - primo italiano - la finale del prestigioso torneo di Wimbledon (perdendo solo contro Djokovic), ha vinto i tornei di Queen’s Club e Serbia Open, è entrato nella top 6 mondiale. «Non faccio mica il modello, sono un atleta e per questo mi hanno chiamato a Sanremo», si legge. Eppure in quei 12 minuti sanremesi si è parlato quasi esclusivamente di bellezza, con continue allusioni che hanno offuscato i meriti sportivi.

La filosofia dell'arrampicata sportiva, nuova disciplina alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Segui VD su Instagram.

Topicssanremo  sport  musica 
ARTICOLI E VIDEO