VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

politically correct

L'editoriale del New York Times che ha criticato la cancel culture

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Si apre con «In qualsiasi modo venga definita la cancel culture, gli americani sanno che esiste e ne sentono il peso,» un discusso editoriale uscito in questi giorni sul New York Times, che muovendo da un sondaggio nazionale fa in punto sulla libertà di informazione e di espressione percepite nel paese.

L'editoriale del New York Times sulla cancel culture

Secondo il sondaggio, l’84% degli adulti americani ha problemi molto seri o abbastanza seri nel non poter esprimere liberamente le proprie opinioni nella vita quotidiana per paura di essere insultati, criticati o isolati. Un diritto che dovrebbe essere oggi fondamentale. Il NYT ampiamente criticato da diversi media per le sue posizioni – per molti avrebbe frainteso le reali minacce alla libertà di espressione, quelle cioè che discendono dal potere e dal governo, commisurandole a quelle delle altre persone – attribuisce le responsabilità di questa situazione di «silenziamento sociale» e «de-pluralizzazione» dell’opinione pubblica sia alla destra sia alla sinistra

Se volete approfondire il tema del politicamente corretto, della nascita di questo concetto – in un contesto tutto americano – e scoprire come mai, secondo noi, può arrivare a soffocare la cultura e le opinioni – anche in Italia, dove è sempre più popolare – trovate qui a questo link l’articolo scritto un anno fa da Niccolò Brighella e Melissa Aglietti.

Lo sfogo di Carlo Verdone sul politically correct

Segui VD su Instagram.

ARTICOLI E VIDEO