VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

news

Lavorare in pigiama danneggia la nostra salute mentale

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Lavorare in pigiama non ci fa bene. Lo evidenzia un report condotto dal Medical Research di Sydney in pieno lockdown. Secondo lo studio australiano, ad essere danneggiata dal lavoro da casa non è la nostra produttività, ma la salute mentale. Ciò è particolarmente vero per chi rimane tutto il giorno con il pigiama, anche davanti al pc: il 59% degli "smart workers" rimasti in tenuta da notte mostrava segni di squilibrio psichico. Quasi il doppio rispetto al corrispettivo (29%) che ha lavorato da casa non in pigiama.. E in Italia, come sta andando il lavoro da casa? Secondo uno studio pubblicato dal Il Sole 24 Ore e condotto da Aidp, il 58% degli smart workers italiani continueranno a esserlo anche nel 2021. E, per oltre il 70% delle aziende, 2 o 3 giorni a settimana saranno dedicati al lavoro agile. Lo smart working è utile ma a lungo andare potrebbe rivelarsi un'arma a doppio taglio.

Com'è andata davvero la scuola a distanza per gli studenti?

Ciò è particolarmente vero per chi rimane tutto il giorno con il pigiama, anche davanti al pc: il 59% degli "smart workers" rimasti in tenuta da notte mostrava segni di squilibrio psichico. Quasi il doppio rispetto al corrispettivo (29%) che ha lavorato da casa non in pigiama.

Topicsnews  coronavirus  lavoro  crisi 
ARTICOLI E VIDEO