VD Logo
Il Mondo che Cambia
VD Search   VD Menu

formula e

Formula E, il circus glamour che vuole prendersi l’automobilismo

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp

Pechino, Punta del Este, Buenos Aires, Roma, Miami, Long Beach, Monaco, Berlino, Mosca, Londra. Non è solo l’elenco delle città più cool dello shopping internazionale; sono alcune delle location in cui ha fatto tappa, nel corso degli anni, il campionato mondiale di Formula E: un circus che vuole prendersi lo scettro di competizione regina in ambito motoristico. Può riuscirci? Andiamo con ordine e facciamo un po’ di storia. Era il 2011, la città Parigi. A cena attorno a un tavolo si trovano in tre. Jean Todt, presidente della FIA (la Federation Internationale de l’Automobile, con sede in place de la Concorde), Antonio Tajani (allora Commissario per l’industria e l’imprenditoria, oggi presidente del Parlamento Europeo). Il terzo ospite è Alejandro Agag, giovane imprenditore con il pallino della politica. La sua rubrica telefonica, giudicata “inestimabile” dalla stampa, comprende Flavio Briatore e i reali di Spagna, Tony Blair e Silvio Berlusconi, Mario Monti e Julio Iglesias, Placido Domingo e Florentino Perez, Rupert Murdoch e Mario Vargas Llosa. Destra e sinistra, ma tutti accomunati da due particolari: sono ricchi, ed erano tra i 1100 invitati al suo matrimonio con Ana, la figlia dell’ex premier iberico Aznar. La formula E nasce da qui, da una rete di contatti mondiale che comprende il gotha della politica, dell’economia e dello sport. Nomi importanti, che non hanno bisogno di presentazioni, e che garantiscono l’accesso a metropoli, come la capitale britannica, dove usare una vettura a benzina è ormai praticamente impossibile.

Sharon Tate nel film (così come fu nella realtà) è un’attrice che si sta affermando sempre più a livello mondiale, e si rivela in una delle scene chiavi della pellicola, che la vedono recarsi al cinema da sola per andare a vedere il film che la vede protagonista, mescolandosi con il pubblico, dal quale si sente elogiata ed applaudita. Sharon Tate sorride e si diverte, poggiando i piedi sulla poltrona davanti alla sua e accomodandosi con allegria davanti alla sua fama.

Niente bulloni, niente grasso annerito nei natali del campionato: l’albero genealogico della competizione è composto, piuttosto, dalle terrazze dei grandi alberghi e dai ricevimenti esclusivi, con la potenza del marketing necessaria a provare a intercettare il bisogno di mobilità pulita e a renderla glamour. Le vetture, totalmente elettriche, corrono esclusivamente su circuiti cittadini. Proprio il rumore contenuto dei propulsori elettrici consente di sfruttare la scenografia urbana, come accade a Montecarlo: e c’è il non trascurabile vantaggio di facilitare l’accesso al pubblico. Ma a riempire gli spalti (niente di più desolante delle tribune vuote) concorrono anche i prezzi popolari: a Roma, ultima tappa, i ragazzi pagavano 20 euro, e per il doppio si poteva acquistare un tagliando regular. Lasciamo al lettore il paragone con i biglietti per il Gran Premio di Monza, corsa, peraltro, da sempre avversata dagli ambientalisti locali.

Sorpassi ripetuti, contatti, arrivi in volata e un Fanboost dato dal pubblico, la Formula E è un nuovo tipo di sport

Riuscirà la Formula E a drenare pubblico dalla più conosciuta Formula 1? Al momento, pare improbabile. I puristi dei dieci cilindri, cresciuti nel mito di Fangio, Lauda, Villeneuve, Senna, Prost e Schumacher, non gradiscono affatto. Poco rumore, velocità ridotte (anche se le nuove vetture accelerano da 0 a 100 km/h in 2,8 secondi e raggiungono una velocità di punta di 280 km/h.) La guida “a sportellate”, poi, fa storcere il naso a chi è abituato alla tecnica sopraffina degli eroi delle monoposto: manovre spericolate che negli altri campionati sarebbero sanzionate, vietate, o distruggerebbero le vetture, sono qui consentite e anzi incentivate in nome dello spettacolo.

La Formula E è disegnata per piacere, in tutto e per tutto

La Formula E è disegnata per piacere, in tutto e per tutto

Ma proprio questo aspetto attrae una nuova fetta di pubblico. Sorpassi ripetuti, contatti, “mischie” e arrivi in volata rendono le gare decisamente interessanti per chi è in cerca emozioni facili. Un effetto “kartodromo del sabato sera” che può piacere a chi, magari, sui kart ci va davvero, ogni tanto. Perché la Formula E è disegnata per piacere, in tutto e per tutto. Ogni dettaglio è studiato. E poi, ovviamente, c’è la partecipazione del “pubblico a casa”: lo spettatore, votando, può decidere a chi assegnare il Fanboost, un incremento di potenza da sfruttare in gara. Lo prendono in cinque, e si vota sul sito, su Twitter, e, ovviamente, sull’app ufficiale. Naturalmente, vince chi è più bravo a vendersi mediaticamente. I social, però, non perdonano. Nel dopogara di Roma, una foto ha sollevato il sospetto che il circus della Formula E sfrutti il gasolio, se non per alimentare le vetture in gara, almeno per ricaricare quelle di servizio che si aggirano nei paddock. A qualche giorno di distanza la polemica non si è ancora placata: e dimostra, se non altro, che l’operazione messa in piedi per creare un’alternativa green alla Formula 1 è ancora imperfetta.

ARTICOLI E VIDEO